Adoro gli animali. In questo blog parlerò dei predatori più veloci al mondo.
incredibile-ghepardo-feroce_1819346571

L’animale più veloce al mondo è in pericolo di estinzione

Il ghepardo è senza ombra di dubbio l’animale più veloce al mondo. Con uno scatto che potrebbe far mangiare la polvere perfino a un’automobile, il film porno francais ghepardo è in grado di raggiungere i 90 km orari in soli 3 secondi. A parte la velocità incredibile che lo contraddistingue, il ghepardo vanta anche una vista potentissima che lo rende fra i predatori più pericolosi della savana. Fra le sue prede preferite incontriamo l’antilope e la lepre.

Il ghepardo è un eccellente cacciatore diurno, grazie alla rapidità dei movimenti e a una notevole capacità di mimetizzarsi nella vegetazione. I suoi attacchi sono fulminei ed esplosivi, durano approssimatamente un minuto e richiedono un’enorme quantità di energia.

Una volta cacciata la preda, il felino la porta con sè in un nascondiglio per occultarla da animali ben più opportunisti che aspettano che lui uccida per poi rubargli la preda. Uno dei grossi vantaggi di questo predatore -che raramente si lascia trovare impreparato a un attacco- è che può rimanere senza bere fino a 4 giorni di seguito senza rischiare la disidratazione. Questo lo rende capace di mantenersi nascosto per giorni senza doversi esporre all’attacco di altri predatori.

Le femmine di ghepardo partoriscono fino a 3 cuccioli e li proteggono per un anno e mezzo o due prima di lasciarli liberi di crescere e diventare degli adulti completamente autonomi di muoversi e sopravvivere nella savana. Durante questi mesi, i piccoli imparano dalla madre le tecniche di foto porno e -una volta terminato il periodo di affiancamento e protezione- i maschi sceglieranno di vivere soli o al massimo in piccoli gruppi, mentre le femmine saranno molto più propense a proteggersi a vicenda e a muoversi in gruppi di gran lunga più numerosi.

Attualmente si contano dai 7 ai 10 mila esemplari di ghepardo, la maggioranza dei quali si concentra in Africa sud-occidentale. Purtroppo a causa del bracconaggio si tratta di una specie a forte rischio di estinzione.